Alla ricerca del paese delle Banane

0 Comments

Oggi 9 agosto un anno già dal addio alla moto per varie cause dunque non resta che continuare con altri mezzi . Oggi si parte alla ricerca del paese delle mangiatrici di banane 🍌 si vede che avranno una piantagione chissà ??? Sveglia presto giretto preriscaldamento muscoli con pepe colazione e si parte . Appuntamento con Ezio Petrizzo un ex collega anche lui un mix di hobby tra cui la bici . Si sale percorrendo l’argine del torrente Torre a salt ci incontriamo in una cronologia perfetta. Due parole e continuiamo per argine fino a Savorgnano . Li prendiamo la strada della Motta fino a san Gervaso proseguendo per Torlano . Fine strada asfaltata inizia la forestale che da subito ci fa capire che non si scherza poi una per fortuna diventa più umana.

Piccola deviazione chiesa san Giorgio manco sapevo esistenza :

Nel 1988 vengono eseguiti degli scavi archeologici che riportano in luce un’abside a “ferro di cavallo”, tipologia riscontrata in edifici anteriori al Mille.
Si ipotizza che il primitivo sacello, eretto sulle rovine di un’abitazione, risalga ad epoca tardoantica.
L’indagine archeologica ha riscontrato cinque successive fasi edilizie, dal V secolo al XIII secolo.
La presenza di altre chiese filiali più raggiungibili ha fatto sì che nel tempo la chiesa cadesse in disuso; si delibera così la costruzione di un nuovo edificio in paese, che viene costruito servendosi dei materiali della chiesa primitiva. file:///C:/Users/Server/Downloads/nimis-ud-nemas-castrum-la-chiesa-san-giorgio.pdf

Già in questi giri trovi tanti posti meno famosi ma pur sempre meritevoli . Si prosegue ancora qualche rampa e devo dire in salita Ezio con la sua nuova Cube va su come un treno , io stento ma in discesa dico la mia . Arrivati nella piantagione di banane ma in verità stanno sbaraccando tutto arrivati troppo tardi . Ma ci sono delle banane appese con forme che a me sembrano ben altro😀🍌qualche foto e ce ne andiamo. Cominciala discesa con surriscaldamento freni azz fischiano che è un piacere …. e si che cerco di frenare meno possibile ….. poi con nostro stupore un castello diroccato ma in giro tenuto abbastanza bene intendo erba tagliata protezioni ecc… scopriremo

Castello di Cergneu

Sorto forse su una precedente fortificazione longobarda, nel XII secolo il castello fu donato al Patriarca di Aquileia da Voldarico marchese di Toscana. Nel Duecento la giurisdizione passò ai signori di Savorgnano e nel 1491 ai di Brazzà, ai cui discendenti appartiene tuttora.

Già nel 1521 il fortilizio risulta essere in rovina. La struttura fortificata con il mastio di forma quadrata – che conserva feritoie e porta d’accesso – fu costruita sopra un ampio terrazzamento artificiale, circondato da un fossato. Addossati alla torre vi sono ancora alcuni resti della trecentesca domus magna. Presso il castello sorge una chiesetta dedicata oggi ai Santi Pietro e Paolo e fondata nel 1323.

Ai resti del castello di Cergneu si arriva percorrendo una ripida strada lastricata che dall’omonimo paese conduce al sito attraversando la selva e superando un ponticello. Ancora visibili i tracciati dei diversi edifici che erano racchiusi dalle possenti mura.

Una campagna di scavi è stata condotta in questo sito dal 1999 al 2005, seguita da un restauro promosso dal Comune di Nimis.

Ovviamente sosta ci siamo idratati bene due litri di miscela al 3 ovvero limone polverina potassio magnesio, succo di sambuco.

Ma con nostro stupore arrivati a Cergneu capiamo di aver sbagliato discesa si doveva scendere a Pecol per fermarsi a pranzo qui

poco importa risaliti a ritroso fino a pecol ma troviamo chiuso. Non resta che scendere e ci fermiamo alla Trattoria al Torrente con un ottimo antipasto mix e calamari .

Ma ormai non ci sono salite per fortuna ripartiamo un po’ appesantiti a ritroso fino a Savorgnano li cerchiamo un collega ma non c’è dunque prendiamo la ciclo delle rogge per rimanere freschi poi ci si divide io faccio altro itinerario per rientrare casa . Bel giro anche se solo una settimana di fermo sento muscolatura dura 😱vuol dire che devo insistere farò altro giretto giovedì mattina madonna del Domm…

qui la traccia del giro : https://www.komoot.it/tour/879156985?share_token=asxg0KDzJiY682w1buNpCfbe6eODEW96jy3RLJbdyIghhXP8Ah&ref=wtd

le foto purtroppo mi sono accorto a casa obiettivo un po sporco ma le trovate qui : https://photos.google.com/share/AF1QipM1lZH-KgRFsD6UhdkCmeU4wSUSHoXv31ud7wqIZo5UqxjLdAbtkzV4ATpJQDjPXw?key=T3dfVmx1TDlobzRRZldfeUMtNmtLTGRwTXUxWDR3

E’ sempre un bel percorso risalire il Torre no traffico e pedali in sicurezza

Pronti …. via…

le piante con il secco sono già gialle come in autunno

siamo zona Motta

direzione Torlano

Comincia la strada forestale ovviamente le foto sono dove riesco a respirare in salita mi riesce difficile farle

panorama dalla chiesa di san Giorgio

per un pik nik al fresco dire ideale

O TU CHE FRETTOLOSO PASSI PER QUESTA VIA FERMATI UN ISTANTE E INVOCA MARIA

Ho scritto in maiuscolo la dicitura della targhetta

nel periodo estivo mi è capitato di venire con il bus per questi paesini e il mio incubo erano i ciclisti in discesa

Chiesa di monteprato

qui cera la raccolta banane 🍌😀

castello di Cergneu

pranzato leggeri https://www.google.it/maps/place/Trattoria+Al+Torrente/@46.2191667,13.3236384,15.79z/data=!4m5!3m4!1s0x477a47edae5655b5:0x39bbe7645a415833!8m2!3d46.2169389!4d13.3204506?authuser=0

nei pressi di Savorgnano al Torre

MANDI al prossimo giro qui metto iniziative giri e report fatti e da fare qualche post inerente alle bici https://www.facebook.com/groups/273896467940327

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.