Balkan tour

0 Comments

Attraversato10 nazioni,4100 km fatti tutti di curve e strade dissetate solo da Belgrado a Udine fatto autostrada. Un tour nato per caso già la nostra vera destinazione era la Crimea ma visto la guerra civile abbiamo ripiegato su questo giro. Come sempre preparato in anticipo studiando strade e luoghi d’interesse. Il Cimi gattone importante nel dare una grossa mano nello sviluppo del tour.Nessun problema alle persone e mezzi se non qualche lieve disguido tecnico a qualche mezzo che più per goliardia vi andrò a illustrare …Un mototurista godereccio per primo deve calarsi senza pregiudizi nel luogo dove soggiorna e provare le pietanze e liquidi locali assaporare e vedere quello che lo circonda e rimarrà entusiasta
Immagine

Personaggi
President Honda Crosstourer
Sandro il Dur di san zorz Suzuki V Strom 650
Cimi KTM Duke
Petrizzo BMW GS 1200
Immagine
Ci hanno raggiunti a Belgrado per festeggiare il Ferragosto
Sandro Pompir Honda Crosstourer
Tombolo Yamaha R1
Immagine
Vi racconterò questo tour con le foto così capirete luoghi e aneddoti vari nei primi giorni pioggia, anche con un po’ di grandine , mine e bombe d’acqua . Poi sole con sbalzi di temperature notevoli. Ma nel tour era compreso un po di tutto dai monti ai mari, ai grandi fiumi, e laghi paesisticamente panorami ancora selvaggi al naturale

Primo giorno Udine Sarajevo circa 700 km di pioggia a tratti battente ! per essere esatti dopo Rieka prendiamo un pezzo di autostrada e usciamo per Ogulin da li in poi antipioggia per fortuna avevo appena comperato i pantaloni nuovi nelle varie piovute solo i bracci stra-fondi inzuppati d’acqua . Ovviamente con il brutto tempo poche foto .Io sinceramente immaginavo il tour senza pioggia ma questa pazza estate ci sta rovinando
qui le prime imprecazioni uscita autostrada direzione Ovulin
Immagine
passeremo Pilvice in direzione Bihac qui siamo al confine
Immagine
passeremo per Jaice noterete l’espressioni felici dalla pioggia
Immagine
Immagine
A Sarajevo mi ricordavo dove fosse l’Hotel ma non la via per entrare praticamente un bel paio di giri in una specie di ring poi mi sono stufato fatto un pezzo in contro senso. Finalmente arriviamo al Hotel Art strafondi si trova di fronte alla moschea
Immagine
Ceniamo nella Birreria con il nome della città un giretto per la città vecchia mussulmana e ci siamo fatti un The e una fumatina di Arghilè già bisogna provare tutto era aromatizzato
Immagine
Il giorno dopo con una colazione super partiamo cielo nuvoloso attraverseremo Trnovo , Foca, ma prima di Pluzine giriamo per entrare nella pancia del National Park Doumitor in Montenegro dove faremo un bellissimo altopiano fino a Zabljak
ovviamente appena partiti pioggia fino al confine montenegrino
Immagine
Durante il tour occhi sempre vigili qualsiasi animale lo puoi trovare sulla tua strada, dopo una curva , un gregge e la cosa non è bella …
Immagine
prima del confine Bosniaco sole ci leviamo le tute
Immagine
un ponticello da attraversare con base in legno
Immagine
qui siamo al confine Montenegrino
Immagine
Sandro il Dur felice
Immagine
attraverseremo quel ponte
Immagine
ecco dal ponte cosa si vedeva sotto notate la limpidezza smeralda
Immagine
siamo sulla e762 direzione Pluzine
Immagine
faremo un bel canyon
Immagine
qui un invaso artificiale qui lo vedete dal basso
Immagine
poi si inizia a salire e qui la visione dal alto e siamo dentro il parco nazionale
Immagine
strada di montagna arriveremo in una malga diventata per noi sosta pranzo
Immagine
occhi indiscreti ci guardano ma non cadrà una bricciola andrà via sconsolata
Immagine
le birre in frigo già metodo tradizionale
Immagine
qui son fermo per il passaggio di tre roulotte non so come gli sia venuto in mente di passare per di qua ……
Immagine
qui inizia un altopiano bellissimo forse in foto non rende bene
Immagine
Immagine
Immagine


Immagine
Immagine
sta per arrivare qualche nuvola ma non ci lasciamo intimorire
Immagine
pensate in cima troviamo questi ragazzini
Immagine
ci prepariamo psicologicamente per la pioggia
Immagine
Un vero peccato il meteo bizzarro in queste alture che sfioravano i 1900m erano veramente belle
Immagine
Immagine
Immagine
Passeremo Mojkovac per Berame per andare a dormire a PEC in Kossovo
Immagine
al bivio c’è questo ponte
Immagine
la zip line da una sponda opposta l’attraversano su un cavo è un po ‘ mossa
Immagine
Immagine
attraversiamo Berame e poi dal confine del Kossovo fino al centrum di Pec in un diluvio
Immagine
Poi la sera tanta aria e sereno dal hotel a Pec
Immagine
il giorno dopo visita al monastero a Decani Unesco protetto dalle forze KFOR
Immagine
Immagine
Immagine
sterrato e ponticello
Immagine
per entrare in visita bisogna consegnare il passaporto ai militari
Immagine
Immagine
Immagine
confine albanese che si dimenticano di farci fare l’assicurazione !
Immagine
invece di proseguire per pristina decidiamo di tagliare per Krume per arrivare a kukes li prendere autostrada . Da qui in po le strade sono pessime e fare un complimento infatti ci imbatteremo in uno sterrato pieno di buche a quel punto per non dondolare e fare come i canguri non resta che alzarsi in piedi stringere le ginocchia al serbatoio e aprire il gas !
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
troveremo pure ghiaione perché in alcuni tratti stanno asfaltano ma dalla parte più alta a scendere
il cimi
Immagine
nella discesa a tratti un po’ di asfalto e strada senza parapetto
Immagine
però ci regala anche qui un bel vedere
Immagine
stava dormendo il Mus ma il nostro rumore lo ha disturbato
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
da Kukes in poi una bella autostrada fino a Tirana poi strada normale fino a Berat dove dormiremo. L’autostrada è piena di curve nuova di pallino non ci sembrava vero si poteva aprire un po’ il gas per qualche curvone ma un attacco con bombe d’acqua ci fermiamo per vestirci partiamo giù il primo diluvio con antipasto di qualche chicco di grandine e aria ci ripariamo sotto un ponte aspettiamo che il grosso passi ripartiamo non facciamo nemmeno un chilometro che arriva la seconda ondata di bombe d’acqua meno male siamo in un autostrada nuova e intravvedo un grill le strade erano torrenti …… lampi tuoni ….aspettiamo più di mezzora partiamo non facciamo 5 chilometri sole e afa giù le tute . Siamo in direzione Berat a 10 km altra bomba che ci aspettava qui le strade non erano il massimo attraversiamo un ponticello che aveva il suo corso che faceva paura con i cavalloni dalla potenza. Arriviamo a Berat fradici troviamo un hotel ci cambiamo e una lauta cena ci fa ritornare il sorriso .
qui la bomba di Berat che ci aspettava
Immagine
moto leggermente sporche
Immagine
Immagine
il giorno dopo sole visitiamo la città vecchia e la fortezza
Immagine
Immagine
Berat Unesco chiamata la città dalle mille finestre le strade di sassi
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
dalla fortezza si ha un panorama fantastico
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Da Berat passeremo per Fier e Vallona passata vallona al Hotel Modesto lo trovate sulla costiera parte sx ci fermiamo sosta pranzo gestito da un siciliano ottimo cuoco e molto gentile. Dopo i filetti di carne da adesso in poi pesce inizieremo con una bella spaghettata ai frutti e carpaccio di spigola
Immagine
Immagine
si riprende a salire per poi arrivare a Dhermi
Immagine
Immagine
qui una foto con un gruppo universitario di padova
Immagine
panorama stupendo quassù
Immagineed ora picchiata fino al livello del mare
Immagine
Immagine
Immagine
Arriviamo al hotel Imperial gestito da due fratelli Eno e Leo
Immagine
Hanno una rivendita tabacchi in spiaggia e molto simpatici e disponibili infatti mi accorgo che sono senza carta d’identità a Berat nel Hotel si erano dimenticati di ridarmela. Leo dice qui in Albania tutto è possibile telefona dice la signora si scusa e via BUS arriverà il giorno dopo in Hotel . Ma il conducente Bus non aveva capito bene così è arrivata fino a Saranda poi ritornata indietro a Valona per poi la mattina della partenza alle 8.30 il bus si è fermato a Dhermi con la mia carta D’identità .
arriviamo un po’ di relax
Immagine
ammirando un bel tramonto
Immagine
mentre il sole ci saluta arriva a farci luce una luna splendente
Immagine
ora basta fare i romantici passiamo al sodo 1 un bel dentice
Immagine
sembra suoni la fisarmonica
Immagine
la lucidata e passata di polisc
Immagine


Faremo un giorno di meritato relax a dermi per fare riposare il nostro la B che ha le stigmate dunque crema Tee tre con la pala . Sa giornata prevede spiaggia e anche la serata sempre nello stesso bar con musica doc in spiaggia accendevano dei fuochi qua e la stile liberty . Naturalmente la musica al mattino era da relax, pomeriggio d’ascolto, verso sera rasta fino le 19 poi musica bella dei classici non tecno !
Immagine
ore 13 piccolo snaks
Immagine
Il Dur entra in clima
Immagine
in serata solita cenetta sempre il tutto con una spesa modica il che non guasta. Con musica un chitarrista che suonava da favola …
Immagine
Immagine
dopo
Immagine
salutiamo Dhermi si stava bene forse un giorno in più ci stava
Immagine
percorreremo la costiera fino a Saranda per poi salire a Girocastro
Immagine
Immagine
Poi gireremo a Dx strada per Pogradec fino a Ohrid dal momento dalla svolta verso la sh75 i paesini Kelcyre, Permet, per poi costeggiare il confine Greco Erseke, Korce la strada sarà tosta e vibrante …
Immagine
Immagine
Immagine
una piccola pozzanghera ci aspetta
Immagine
Immagine
Immagine
la strada corre appaiata al fiume
Immagine
inizia a farsi sentire il caldo 35 gradi
Immagine
Comunque bella da fare poco trafficata . Da dire il tratto da Saranda a Girocastro gli albanesi son pazzi al volante ho visto anche sorpassi doppi , si fermano in pieno tornante tranquilli lasciando la porta aperta, mi son trovato in piena curva un tir peccato lui avesse linea continua! diciamolo non conoscono il codice della strada ! Troverete un sacco di mercedes e audi e distributori ovunque , lavaggi per macchine ad ogni angolo.
Immagine
qui invece saliamo di quota
Immagine
Immagine
Da sperare sempre non ti succeda niente altrimenti li disperso in mezzo ai monti ….
Immagine
due BMW parcheggiate una nera una bianca
Immagine
Immagine
arrivati nel lago di Ohrid
Immagine
al confine io passo indenne mentre il resto della truppa si accorgono che non ci hanno fatto l’assicurazione, ma ci lasciano passare …
Immagine
Siamo in Macedonia a Ohrid il centro è strapieno di gente nei locali non trovi posto noi tramite Hotel prenotato. Il giorno dopo visita al monastero
Immagine
Immagine
panorama dalla fortezza
Immagine
Immagine
Immagine
Partiamo anche qui costeggiamo un fiume, un lago Lake Devar e attraverseremo il Mavrovo national park
Immagine
Impressionante il verde
Immagine
Immagine
Immagine
in tutti i Balcani trovato tantissimi matrimoni che vengono a sposarsi nella loro terra nativa e un po’ come da noi adornano le macchine
Immagine
qui battezzo il dour
Immagine
altro monastero St. John the Forerunner Bigorski Monastery
Immagine
Immagine
Immagine
poi prenderemo l’autostrada con una serie di caselli in uno di questi dico al dur paga tu che ho 50 euro interi mi fa segno di partire vado parte lui non aveva bloccato la sbarra conclusione a sbarra arpionata di testa nasce un piccolo diverbio con il casellante poi il dur mostra la sua tenacia visto che non aveva fatto niente lo manda a quel paese che sappiamo… mette in moto e mi raggiunge io nel frattempo ero in ansia non vedendolo arrivare mi racconta infervorato il tutto solo che a me mi veniva da ridere immaginandomi la scena ….il tratto incriminato è da Tetovo, Skopie, Kumanovo
Immagine
a kumanovo usciamo per direzione Sofia ma decidiamo di oltrepassare la capitale Bulgara per non perdere tempo e dormiremo a Svoge
Immagine

Capitolo guasti direi tutto sommato bene considerando le strade fatte !
BMW rotto supporto navigatore,aggiunto olio , batteria finita in un momento sbagliato hahahhha,
Immagine
batteria andata per fortuna una HONDA CROSS TOURER ha rianimato la BMW
Immagine
Però strano aveva pure preso una batteria nuova
Immagine

KTM del Cimi
Allentata la catena, luce anabbagliante, molla cavalletto centrale
Immagine
Immagine
Immagine

Suzuki
manca la foto porta targa rotto con vibrazione legato con le fascette aggiunto 400g di olio
Rotto di testa una sbarra del autostrada hahahhah

Honda crosstourer
L’optional parafanghino interno era già montato male e mi grattava nella ruota speravo mi tenesse duro fino a Udine per spostare i fori ma in zona Palmanova in un rallentatore è volato via …
Immagine

Ripartiamo da Svoge per attraversare il Danubio a Oryahovo perse due ore di attesa
https://lh4.googleusercontent.com/-Ov3Q … G_2953.JPG
Immagine
Immagine
c’è un caldo infernale dormiremo a Pitesti
Immagine
siamo in pianura e il caldo si fa sentire
Immagine
Pitesti hotel senza condizionatore cena buona in centrum il giorno dopo tappone alpino con la Transavarasan e la Transalpina
iniziamo con il primo passo che avevo già percorso in tour precedenti
Immagine
Immagine
la diga forma un lago
Immagine
finalmente un po’ di fresco dai 36 gradi passati ai 24
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
qui siamo sul passo
Immagine
qui altro versante la discesa fino a Saliste
Immagine
Immagine
Immagine
da Saliste parte la Transalpina meno conosciuto ma a mio avviso più bello attraversiamo alcuni paesi rom
Immagine
Immagine
Immagine
ci siamo fermati a pranzo in un locale lo si vedeva in pendenza
Immagine
durante la salita trovato parecchie frane muri di contenimento non ci sono la vegetazione avanza non c’è mantenimento delle strade
Immagine
Immagine
quella tendopoli sono dei rom raccoglitori di funghi e mirtilli
Immagine
Immagine
qui ci sgranchiamo le gambe io Cimi e Sandro
Immagine
Mus maschio
Immagine
Il tratto in cima asfaltato nuovo si pensava fosse sterrato nella salita io e Cimi facciamo il pieno mentre il dur e Petrizzo saltano ma rischieranno di rimanere a secco !
Immagine
bella strada voto 10 mi sa che la sentiremo parlare nei vari forum mototuristici
Immagine
Immagine
nella discesa entriamo dentro una nuvola non si vedeva a un metro acceso luci emergenza
Immagine
Dormiremo a Târgu Jiu
Immagine
Il giorno dopo si va verso le gole del Danubio versante Rumeno partendo da Drobeta-Turnu Severin costeggeremo il grande fiume fino a Belgrado
Troveremo immense fabbriche abbandonate
Immagine
anche centrali in uso
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
arrivati a Belgrado
Immagine
Non ha più vent’anni è in stand by sta caricando le pile
Immagine

Appena arrivato a Belgrado insieme al Pompir qui mio nipote acquisito nik Tombolo avvilito depresso dentro se sta dicendo chi cazz….mi ha fatto fare a prendere un R1 non è la moto per me !
Immagine
qui siamo allo stand Malboro
Immagine
Immagine
un calo di zuccheri improvviso
Immagine
i reucci de Roma no dal Friul
Immagine
il Pompir da giovane ha abusato e ora è calata la vista
Immagine
la serata si fa movimentata se non lo avete capito siamo alla festa della Birra a Belgrado
http://belgradebeerfest.cmass.eu/
Immagine
Immagine
il giorno successivo tutti in piedi colazione al bar
Immagine
Il pompir fa da stradologo con mappa città
Immagine
Ma capisco che è meglio il tour bus city si cammina di meno e si vede di più nel mio caso ho anche caricato le pile
Immagine
Immagine
Naturalmente nel ex Jugoslavia sempre presente gli orrori della guerra sia in tutta la Bosnia parecchie case distrutte bruciate nella stessa Sarajevo nei palazzi i segni delle mitragliatrici e dei mortai, qui invece a Belgrado le bombe americane intelligenti che colpivano i palazzi governativi. In Bosnia se ci andate è piena di cimiteri sulle colline con più o meno gli stessi anni della guerra . Già l’uomo è capace di tutto e di più e lo rende differente dal animale ……
Immagine
Immagine
Immagine
quel mattacchione di mio nipote acquisito rischia sempre …fin quando gli arriva un bel ceffone allora hahahahahha
Immagine
Immagine
camminatina per il centrum per qualche souvenir
Immagine
Camminato troppo venuta fame alt !
Immagine
ma si dai facciamo il dolcetto come capogruppo democratico me lo merito!
Immagine
una passante x che aspetta l’autobus
Immagine
volevo fare la foto alla pubblicità ma….c’è l’intruso
Immagine
Dopo il bus giro tour via boat sul Danubio che no è bleu
Immagine
Immagine
il pompir era arrivato bianchetto ma ha ripreso colorito
Immagine
Immagine
per chi è di udine in zona Cormor ecco i suoi abitanti i cormorani
Immagine
Immagine
Immagine
lo Schiettino serbo
Immagine
facce strane
Immagine
fanno guardia fuori della festa otre a loro un sacco di poliziotti in divisa da sommossa e un sacco di body gard tutto questo mi faceva sentire più sicuro ma anche pensare come mai così tanti???
Immagine
Immagine
cena sul Danubio al Yoat club mangiato male e divorati da un attacco massiccio al tramontar del sole di elicotteri ovvero zanzare
Immagine
un ora dopo
Immagine
ultimo giro di pista alla festa
Immagine
Immagine
la serata si anima
Immagine
c’è una marea di gente qui i concerti sono iniziati alle 18.30 e finiranno alle 5
Immagine
tutti cantano e ballano ma sono i Liga i Vasco Serbi o Macedoni direi orecchiabili
Immagine
li metto a nanna domani si rientra
Immagine
Come dicevo rientriamo con temperatura ottimale 24 che poi scenderanno leggermente ma sarà una fortuna per le colonne di macchine che troveremo
Immagine
Vacanza che stà per finire
Immagine
Bloccati con 8 km di coda lentissima a causa dei controlli in dogana uno ci ha detto che in macchina era da 7 ore fermo !azz benedetta la moto zigzagando e sfiorando le macchine riusciamo a velocità di sostentamento ad arrivare finalmente in frontiera Serba
Immagine
un invasione Turca che rientrava nei vari paesi in genere Germania, nessun aiuto sulla strada ne polizia ne beni di conforto
Immagine
qui ad un grill in Croazia unico bidone mangiato poco pagato tanto
Immagine
si rientra in Friuli cielo nuvoloso fine delle nostre vacanze
Immagine
fine pure della giornata arrivati
Immagine



Conclusioni un bellissimo tour vissuto intensamente ora è sempre più difficile ripetersi o migliorare ma l’importante è partire con lo spirito giusto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.