Stentarie strada della malghe

0 Comments

Ovviamente non siamo dei pionieri c’è chi la fatta prima di noi es: http://www.motobrucoendurista.it/hankan … carnia.htm

Io con alcuni un paio di mesi fa da Sauris fino a Ovaro per la vertiginosa discesa da far arrossire dischi e freni …..
Stavolta siamo in quattro e la faremo partendo da Ovaro.
Ritrovo alle 9.30 almeno un paio di ore di sonno visto che rientravo da Lonigo …Colazione e partiamo per fortuna siamo in 4 e tutti abbastanza disinvolti anche con strade impervie. Se a udine c’è nebbia da Cavazzo in poi un sole splendente . Proseguiamo fino a Ovaro direzione Mione si sale fino al’ ultima casa dove c’è una fontana li c’è una stradina con la sorpresa salita con pendenze del 28 per cento! sembrano rampe di garage. Si inerpica con strada e tornanti stretti ma è asfaltata fino in quota . Poi finisce l’asfalto e comincia il cemento rigato. Poi sterrato con gli scoli che bisogna prestare attenzione alcuni sono dei dossi . Prima sosta cambio di digitale e la ventola del Cimi è un mulinex sempre accesa arriviamo al primo pit stop merenda fin qui tutto bene Mario KTM non lo vedo in forma ….Il luogo prescelto è una panchina su un promontorio in giro un panorama stupendo . Partiamo siamo al bivio per Sauris e fino li tutto ok e già fatto in precedenza. Proseguiamo da li in poi lo sterrato diventa impegnativo non poco in salita ad un certo punto accelero e la sento ferma il TC bloccava scolliniamo ennesima malga li la strada diventa ancora più difficoltosa sono sudato in acqua gli avambracci si gonfiano come braccio di ferro . La crosstourer non parla altrimenti mi avrebbe mandato a quel paese! Ho tradito la mia indole da mototurista godereccio già oggi solo endurista Ma era in esplorativa il Cimi che aveva preso itinerario neanche lui si aspettava un sterrato così impegnativo a fine discesa abbiamo preso una casa privata per una malga per pranzare . Mario KTM detto anche” Piega” con volto accaldato lo abbiamo piegato in due…. finalmente sbuchiamo nella strada in Val Pesarina Mario voleva rientrare lo convinciamo a proseguire un po’ di asfalto ci ridà brio.Ma prendiamo lo sterrato della Forcella Lavardet strada perennemente chiusa anche qui ghiaioni. La paura in questi casi è la foratura anzi la tagliatura del pneumatico …. ma finalmente sbuchiamo nel asfalto per oggi basta sterrati alla prima baita sosta pranzo ottimi gnocchi ai funghi Naturalmente le foto non sono ben inquadrate ma pensate che le ho fatte in corsa con le mia doti di equilibrista … Scendiamo per rientrare a casa l’albicocco si fa sentire sosta caffè a Villa Santina li passa par caso Maida ex pilota di Speedway ora istruttore presso Adria insieme ad un amica con lui andremo nel pista di Tomezzo Li trovo alcuni amici compreso Luca meccanico e nostro sponsor. Bella giornata e anche oggi niente pioggia !
Fatto un mini video così vi rendete conto https://www.youtube.com/watch?v=o4Xk1Kibbnw


http://it.wikiloc.com/wikiloc/view.do?id=7842772

Come dicevo fortunati passati per Cavazzo
Immagine
Mione qui finisce il paese e si comincia a fare su serio!
Immagine
l’asfalto finisce comincia il cemento
Immagine
Immagine
i panorami si susseguono
Immagine
i KTM seguono
Immagine
li lascio passare per fare foto
Immagine
C’è qualche Mukka al pascolo ma non nel giro oggi niente GS meglio per loro non so come avrebbero affrontato questo giro hahahhaha
Immagine
per adesso ma solo per adesso sterratino bello
Immagine
arrivati merenda Time la faremo laggiù
Immagine
Immagine
un po’ di relax
Immagine
altra malga
Immagine
da qui in poi grosse difficoltà
Immagine
moto da lavare ..
Immagine
fine sterrato prima parte
Immagine
Sella Lavardet
Immagine
qui a Villa santina con Maida
Immagine
pista di Tolmezzo
Immagine
Luca nostro meccanico di fiducia e sponsor
Immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.