15 -16 gen. lungo i confini sloveni

0 Comments

Casco allacciato pronti per partire. Ai nastri ci sono il Cimi e Olivano il Voson .
Decidiamo di fare strade nuove e così faremo entrando per il valico di Vencò. Non prima di aver fatto il pieno di benzina .Non vi elenco i paesini perchè non so se siano nemmeno segnati sembrano dimenticati. Della serie “dove non osano le aquile “: paesi di 20 case di cui solo si e no 3 abitate ma in tutto il percorso strada bella e asfaltata . Volendo c’è l’opzione sterrato praticamente abbiamo corso per due ore senza soste solo pit stop negli svincoli per tirare a sorte quale strada prendere . Questi sono i giri che piacciono a me: vai dove ti porta la moto e la tua fantasia ………


qui siamo a neblo
Immagine
iniziamo una strada per me nuova
Immagine
gatti :gattonero: al seguito
Immagine
personaggio interprete
Immagine
bosco
Immagine
strada nonostante tutto bella a livello di percorribilità
Immagine
guardrail antichi
Immagine
come dicevo strade pulite
Immagine
unico paesino che ricordo per il nome piccolo LIG
Immagine
Immagine
in fondo il Matajur e il Canin innevati
Immagine
doccia al naturale
Immagine
Immagine
torrente che si fa spazio tra gli alberi del bosco
Immagine
Isonzo dal color smeraldo
Immagine
serie di foto di tramonti: nel ritorno la nebbia ancora non si vede per fortuna
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
per il sabato The end

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.