Transilvania Sarajevo

0 Comments

Immagine
President – Honda varadero
Sandro Pompir – Honda varadero
Il Celtico – Aprilia Caponord
Sandro san Zorz- Suzuki V: Strom


Rientrati tutti alla base e questo è l’importante! L’unico inconveniente è capitato a Sandro san Zorz : il mono posteriore scoppiato con perdita di tutto l’olio. Quattro mesi fa lo aveva revisionato e sostituito le molle ma i sobbalzi delle strade rumene lo hanno messo ko … ha proseguito lo stesso con la guida Australiana cioè saltava come un canguro eccitato. E’ stato bravo e gli faccio i miei complimenti l’ ha presa con filosofia ma a Belgrado ci ha lasciati per prendere l’autostrada e rientrare, un vero peccato…
Detto questo per il resto a meraviglia a livello meteo neanche una goccia di pioggia, temperature frizzanti fino a Senj poi calura nei due giorni finali .
Un po’ di numeri :
3500 km fatti di cui circa 2000 di curve
Passato per 6 nazioni con 4 monete diverse
Per dormire dai 20€ ad un massimo di 35€ con colazione
Naturalmente i compagni di viaggio di cui due novizi sono andati alla grande semmai non essendo abituati a tour del genere alla lunga la stanchezza li assaliva.
ora vi racconto il viaggio con l’aiuto delle foto così capite bene luoghi e situazioni .
Tutto è iniziato la sera prima a Terenzano con il Gran prix
Immagine
Immagine
Visto la serata avevo già prenotato a Budapest . Alle 7 ritrovo e partenza. Faremo tutta autostrada attraversando la Slovenia fino a Maribor poi costeggiando il lago Balaton, sosta pranzo a Siofok. Ripartiamo e il navigatore ci porta diritti a destinazione: una pensione vicino al quartiere di Buda. Una doccia e subito andiamo alla cittadella la parte più interessante di Budapest
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
troveremo tanti sposi
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
a primo impatto pensavo fosse Matteo :mrgreen:
Immagine Il famoso ponte che collega Buda a Pest : lo ricorderemo per aver preso una delle due ” fregature” 4 birre e due piattini di patatine 26 euro!

abbiamo trovato la città con poca gente pochi turisti che giravano
Immagine
ma i gatti neri c’erano!
Immagine
ecco le birre salatissime :angel:
Immagine
Immagine
Immagine
il giorno successivo colazione
Immagine
partiamo da Budapest destinazione Cluj Napoca in Romania
Immagine
Immagine
strada diritta fino al confine rumeno poi iniziano le curve per tutto il nostro tour
Immagine
Immagine
poi troviamo un gruppo di biker ungheresi e due italiani : ci accodiamo !
Immagine


Arriviamo a Cluj Napoca, ci vuole un po’ per incastrare le moto all’ interno di un recinto. E’ gia’ buio, usciamo per la cena e allora chiediamo indicazioni per un ristorantino
Immagine
Poi andiamo in un pub per un drink e per chiudere in bellezza un sigarillo
Immagine
Il Celtico a tutti i costi vuole anche lui una foto
Immagine
Come vedete dall’ abbigliamento, non c’era quel “caldon “di ferragosto
Immagine
Si riparte con destinazione Sibiu
Immagine
Immagine
C’è un po’ di nuvolo ma si viaggia bene
Immagine
Per strada si incontrano molte chiese fortificate
Immagine
E paesette caratteristici
Immagine
Immagine
Arriviamo a Sibiu situata all’ estremità meridionale del bassopiano transilvanico ai piedi dei Carpazi,. tappa ideale delle tre capitali Vallacche. Al centro c’è una bellissima piazza anzi due collegate tra loro .
Immagine
Qui i muratori indossano questa specie di divisa
Immagine
La piazza
Immagine
Immagine
Il tombino con stemma
Immagine
Immagine
La ricetta della ciorba, minestra tipica locale
Immagine
Caratteristica dei tetti
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Si accendono le luci su Sibiu, ma si accende anche la fame: andiamo in piazza in un ottimo locale con piano bar . Ci mangiamo la ciorba di funghi e un filettone ! Stavolta niente birra ma un cabernet- franck un po’ barricato che si sposa benissimo con la carne . Alla fine un dolcetto ai frutti di bosco: siamo o non siamo in ferie !Direi cena ottima !!
Immagine
Una passeggiata per digerire
Immagine
Il mattino seguente notiamo sotto la moto di Sandro dell’ olio fuoriuscito dal suo mono posteriore, ci rendiamo conto subito di quel che è successo, cerchiamo di incoraggiarlo e proseguiamo. Vederlo saltare di continuo non è il massimo . Manco farlo apposta abbiamo pure uno sterrato da fare
Immagine
Immagine
Siamo in direzione Sighisoara con sosta alla chiesa fortificata di Birtan. Durante il tragitto troviamo un mercato degli animali frequentato dal popolo Rom. Molto bello vedere i loro volti caratteristici. Non hanno nulla a che fare con quelli che ci ripuliscono le case !!
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Arrivati nella chiesa fortificata di Birtan
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Ripartiamo subito per Sighisoara, la città medioevale meglio conservata e più evocatrice della Transilvania. Qui nacque l’impalatore Vlad Tepes. La sua storia ha ispirato Bram Stoker che ha creato il personaggio di Dracula, ma prima di iniziare la visita si pranza …….ma va’ strano !!
Immagine
Immagine
I Black Cats :gattonero:
Immagine
Curiosa sta foto !
Immagine
Non so perchè ma la pizzeria non deve essere proprio rumena DOC
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Tutti pronti, si riparte per Brasov
Immagine
Immagine
Autoscatto
ImmagineArrivati a Brasov ci avvaliamo dell’ ottima guida per trovare da dormire in un posto strategico. Brasov è la Cortina rumena : si passa dai cavalli che trainano carri alle Ferrari o ai lussuosi fuoristrada. E’ una vecchia città sassone: da una piazza parte la via centrale con nel mezzo i tavoli all’ombra .
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Mi sono sempre definito un mototurista godereccio, guai far patire il proprio corpo
Immagine
Andiamo a visitare il castello di Dracula non merita per niente ma si respira un’aria ” strana ” , inquietante !!!
Immagine
Immagine
Andiamo anche a Poiana a vedere questo castello
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
un GS adv in senso contrario ma chi gli ha dato la patente
Immagine
Venerdì 17, il giorno del mio compleanno, lo trascorro in moto percorrendo al Transafagarasan, la strada più alta della Romania: il passo è a 2040 metri , il loro Stelvio . Sandro san Zorz stringe i denti e prosegue il saltellante tour . Si notano parecchi cani randagi e anche molti cani morti ai lati delle strade.
Qui vediamo Sandro che per sicurezza fa scendere un carrello
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
A proposito di birre prendiamo spunto dal giubbino . In Romania la birra era la Ciuc e la Ursus, a Sarajevo la birra prende il nome della città ed è squisita.
Immagine
Immagine
Questa è divertente, non potevo non fare una foto !
Immagine
Immagine
Qui faccio spesa: compro il miele per la moglie
Immagine
Immagine
Immagine
La lunga discesa arriva fino a Pitesti .Il manto stradale è veramente buono : molto bella da farsi con qualche piega
Immagine
Dormiamo vicino al confine con la Serbia, attraversiamo il Ponte di ferro: non è che una diga. Salutiamo la Romania!
Immagine
Immagine
Immagine
Nas Tito ormai ..
Immagine
Immagine
Iniziamo le Gole del Danubio
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Nei pressi di Smederevo Sandro san Zorz ci saluta e rientra causa mono post. rotto. Noi proseguiamo il nostro tour come da programma. Ma questo animaletto mi ha fatto fermare e qui prendiamo la seconda cantonata del tour !!
Immagine

Salutiamo Sandro, lui rientra e noi scendiamo per Cacak, Titovo Uzice ed entriamo in Bosnia Erzegovina. La prima città è Visegrad: da qui in poi il paesaggio è molto bello, prima tra gole poi sugli altipiani in un verde rigoglioso di alberi . Purtroppo ci sono ancora i segni di quella guerra feroce che 20 anni fa ha messo in ginocchio queste popolazioni. Mi viene orrore solo ad immaginare quello che hanno provato…. Di certo la guerra è sempre una sconfitta per tutti! A Sarajevo è bello sapere che una moltitudine di religioni e razze convive pacificamente. I giovani che la sera sono assieme a far festa spero riescano a chiudere questa brutta pagina di storia.
Visegrad
Immagine
Immagine
Immagine
Qui Sandro il pompir entra in training autogeno
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Sarajevo bellissima città! Un amico del Celtico Bosniaco ci ha dato delle dritte e così alloggiamo all’ Hotel Art nel mezzo della città vecchia. Ero al quinto piano e da lassù si godeva di una bella prospettiva
Ecco l’Hotel: quello con vetrate in nero
Immagine
Foto fatta dall’ Hotel la sera
Immagine
Al mattino
Immagine
Immagine
Immagine
A colazione il Celtico si spazzolava un bel po’ di cotolette
Immagine
La Moschea
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Come vi dicevo …
Immagine
Immagine
Immagine
Il primo impennava: forse sapeva del mio arrivo …..
Immagine
Immagine
Suonavano talmente a manetta che la gente buttava i soldi dalla finestra per riprendere a dormire!
Immagine
Molte case sono state ristrutturate ma dove non ci sono soldi gli orrori purtroppo sono rimasti
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
L’ambasciata Iraniana è un po’ fuori dal centro e sembra un bunker
Siamo arrivati sabato sera e domenica era tutto chiuso. Si preparavano alla fine del Ramadam: infatti domenica sera la città si è riempita: tutti i locali traboccavano di gente.
Immagine
Immagine
Qui capirete a che ora ho fatto la foto
Immagine
Immagine
Immagine
Immagino già che date siano scolpite sulle lapidi
Immagine
Immagine
Qui siamo in zona aeroporto
Immagine
Questo è il famoso tunnel della salvezza
Immagine
Immagine
Qui la seconda dritta: l’ antica birreria di Sarajevo
Immagine
Immagine
Immagine
La birra è buonissima, si mangia pure bene, un ottimo filetto cotto giusto leggermente rosato
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Prima di partire un ricordino lo lasciamo anche noi
Immagine
Lasciamo Sarajevo e iniziamo la strada del rientro: Travnik , Jajce , Bihac.
Qui sosta tecnica
Immagine
Le cascate di Jajce
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Dopo le cascate ci sono due laghetti
Immagine
Immagine
Qui mi sembra che la tonalità del verde sia espressa veramente bene
Immagine
Immagine
Immagine
Altipiani: si oscilla tra i 500 e i 1.200 metri
Immagine
Immagine
A pochi chilometri da Bihac una sosta
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Dopo un’ estenuante ricerca di un hotel a Senj ecco i risultati
Immagine
In effetti durante tutto il tour abbiamo viaggiato bene nel fresco ma ora nello scendere verso il mare ci ha assalito il caldo.
Immagine
Immagine
Immagine Qui siamo a Parenzo per un po’ di relax e di mare. La Caponord del Celtico compie 50.000 km
Immagine
Immagine
Immagine
The end: fatto un bel tour, ora mi devo riprendere dopo questi giorni vissuti intensamente. Se per i musulmani è finito il ramadam, per me inizia ora hahahha….. così ha detto la mia Lady ……dopo avermi squadrato al mio rientro !!!
Ringrazio i compagni di viaggio e arrivederci al prossimo
Mandi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.